Dai nostri inviati Giovanni Ciaramella e Valerio Ramaccia –

Molte persone credono che i sassi di Matera siano solo delle semplici rocce, ignorando completamente la loro storia. I ragazzi delle classi terze, impegnati in questi giorni nel viaggio d’istruzione nella Murgia, sono andati alla scoperta dei misteri di Matera e delle sue curiose abitazioni.
Non molte persone sanno che i sassi, sono una delle forme di insediamento umano più antico di tutto il mondo, infatti tutto intorno alla città, si estendono i rilievi delle Murge, i quali essendo composti da una roccia di tipo marino, hanno permesso una facile erosione e quindi anche la formazione di grotte naturali, le quali oltre ad aver permesso un primo riparo per gli esseri umani, ha anche reso Matera l’insediamento umano più antico d’Europa.

Infatti, i sassi, sono molto simili alle grotte naturali delle Murge e venivano usate come abitazioni spesso dalle classi sociali più povere: oltre alle case, furono costruite anche chiese e nevaie addette all’immagazzinamento di ghiaccio per la conservazione di alimenti e la sua rivendita.
La storia dei sassi è stata molto lunga quanto travagliata; infatti i primi documenti che parlano dei sassi come abitazione risalgono al 1204 durante il medioevo e la loro “scomparsa” parziale avviene nel 1952 quando il noto politico italiano Alcide de Gasperi emanò una legge in favore dello sfollamento dei sassi per la restaurazione.

Dopo questo emendamento, in particolare a Matera, avvenne una massiccia migrazione di oltre 14.000 cittadini intenti a cambiare la loro abitazione. Così i sassi rimasero disabitati lasciando solamente le tipiche sistemazioni contadine al proprio interno, come ad esempio le stalle per gli animali e i grandi letti. Grazie a queste formazioni rocciose comunemente chiamate sassi, Matera è la disarmante città ricca di bellezza, piena di contrasti, di silenzi e atmosfere mistiche che conosciamo oggi.

I nostri giornalisti al lavoro nella postazione mobile!(Nella foto: i giornalisti del Gabbiano alla postazione mobile!)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...